Liberare nuove fonti di energia

Nel corpo umano, i processi che consumano energia sono in continuo svolgimento per varie funzioni di base essenziali per la vita. Il nostro consumo di energia non è solo legato all'entità dello stress fisico, ad esempio sotto forma di lavoro fisico o sport, ma dipende anche dal nostro stato mentale ed emotivo. In particolare, quando sentiamo rabbia, bisogni insoddisfatti o ansia, il nostro dispendio energetico aumenta in modo significativo. Queste emozioni negative sono di solito generate in concomitanza con un pensiero intenso o una ruminazione - sotto forma di idee o aspettative sgradevoli. Dal momento che il cervello è il più grande consumatore di energia nel nostro corpo, questi processi cognitivi consapevoli si traducono in un consumo energetico relativamente elevato. L'inconscio usa molta meno energia, anche se attinge a migliaia di volte più informazioni di quante ne abbia a disposizione la testa, e quindi la ragione, nel prendere decisioni. D'altra parte, stati interni positivi e piacevoli garantiscono la produzione o il rilascio di energia.

Creare pace interiore

Il nostro bilancio energetico dipende in larga misura da come (possiamo) affrontare il cambiamento - una caratteristica della vita e della vitalità. La capacità di accettare il cambiamento e di affrontare una nuova situazione può causare un grande rilascio di energia, che rende il cambiamento più gestibile. Quindi, è molto più conveniente rimanere calmi di fronte al cambiamento piuttosto che impegnarsi in una lotta che consuma molta energia e che è diretta contro il cambiamento. Al centro di questa lotta c'è di solito la paura inconscia di non essere in grado di affrontare il nuovo. La paura lega molte energie e può paralizzarci o addirittura bloccarci. Tuttavia, l'energia negativa, legata alla paura, può essere trasformata in energia positiva e gioiosa. Il prerequisito è che si riconosca la paura, per lo più inconscia, la si affronti e la si accetti come una parte esistente del sé. Attraverso questa accettazione può avvenire una trasformazione energetica in cui si può trovare una pace interiore. A proposito, le persone che hanno un elevato consumo di energia psichica non solo usano la propria energia, ma la consumano anche esternamente. Non importa se esigono un riconoscimento eccessivo da altri esseri umani, se impongono a se stessi e agli altri pretese di controllo o perfezionistiche che non possono essere soddisfatte, se vogliono essere salvati da altri come vittime senza responsabilità personale, o come persone divise che conoscono solo bianchi o neri, amici o nemici - tutti hanno bisogno di energia da altri esseri umani. Questo accade spesso inconsciamente.


Il modello di coaching di S. Gallo (CH) ("St. Gallen Coaching Model (SCM)®") aiuta a integrare momenti di non-pensiero nella vita di tutti i giorni e a prendere le distanze dai rubaenergia al fine di risparmiare e rigenerare l'energia. Inoltre, il metodo di coaching vi aiuta a liberare l'energia legata alla paura per promuovere uno sviluppo verso una maggiore qualità della vita attraverso le vostre risorse.